Est
Vai a
Vai a

Consip: per Lotti chiesta la proroga delle indagini

Tiziano Renzi
Tiziano Renzi (BATCH)
13.01.2018

ROMA Altri sei mesi per effettuare indagini e nuova attività istruttoria. I pubblici ministeri della Procura di Roma che indagano sul caso Consip (la centrale acquisti della pubblica amministrazione), hanno inviato il 19 dicembre al gip Gaspare Sturzo una richiesta di proroga per 12 indagati coinvolti nella maxi-inchiesta su Consip. Il provvedimento riguarda soggetti coinvolti nei vari filoni di indagine. In particolare, il gip dovrà pronunciarsi in relazione alle posizioni del ministro dello Sport Luca Lotti, di Tiziano Renzi, padre dell’ex presidente del consiglio Matteo, del comandate generale dei carabinieri Tullio Del Sette (che tra pochi giorni lascerà l’incarico, essendo giunto a fine mandato) e dell’ex comandante della Legione carabinieri Toscana, Emanuele Saltalamacchia. Chiesta al gip la proroga delle indagini anche per gli imprenditori Alfredo Romeo e Carlo Russo, per l’ex parlamentare del Pdl e consulente di Romeo, Italo Bocchino, per l’amministratore delegato della società Grandi Stazioni, Silvio Gizzi e per gli ex manager della centrale acquisti della pubblica amministrazione, Domenico Casalino, Luigi Ferrara e Francesco Licci e per il presidente Pubbliacqua, società partecipata del Comune di Firenze, Filippo Vannoni. Nel motivare la richiesta di proroga delle indagini al gip Sturzo, gli inquirenti romani affermano che per quanto attiene il filone sulla fuga di notizie sono «tuttora in corso le attività istruttorie volte a ricostruire la catena di comunicazione all’interno della struttura gerarchica dell’Arma dei Carabinieri, così come i contatti - si legge nella richiesta depositata il 19 dicembre scorso - tra le persone che legittimamente erano a conoscenza dell’indagine e gli indagati». Per quanto riguarda la «natura degli accordi illeciti tra Romeo e Russo, il ruolo di Bocchino e di Tiziano Renzi, sono in corso riscontri sui tabulati telefonici e attività di raccolta di informazioni da parte di persone informate sui fatti», scrivono i pubblici ministeri romani nella loro richiesta. Sul fronte dell’indagine che attiene alle «gare Consip e Grandi Stazioni ed alle ipotesi di turbativa delle gare indette da tali stazioni appaltanti, è in corso - si legge ancora nella richiesta di proroga - una complessa attività di analisi della documentazione acquisita, accompagnata da attività di raccolta informazioni da parte di persone informate sui fatti». Sempre sul caso Consip il prossimo 19 febbraio è prevista un’udienza della sezione disciplinare del Csm contro i magistrati napoletani John Woodcock e Celestina Napolitano accusati di comportamenti scorretti nei confronti dell’ex consigliere di Palazzo Chigi Filippo Vannoni. •

Primo Piano
La Montefortiana è giunta all'edizione 43
 
 
La storica corsa non competitiva

Montefortiana
18mila podisti
affollano le strade

Condividi la Notizia
 
A Motor Bike Expo moto da tutto il mondo

Dalla moto che va
a 432 km l'ora
all'Harley a 3 ruote

Condividi la Notizia
Condividi la notizia