Generations, la sfida dei giovani chef veronesi: «Dobbiamo contare di più»

I giovani chef e ristoratori veronesi
I giovani chef e ristoratori veronesi
28.05.2018

A Villa della Torre, a Fumane, presentato il progetto «Generations».

Nasce dalla volontà di Matteo Rizzo, chef e patron de Il Desco - storico ristorante di Verona premiato da oltre 30 anni con la prestigiosa Stella Michelin - di rivendicare un «ruolo di primo piano nel panorama gastronomico italiano per la città di Verona».

Ad aderire al progetto diversi giovani ristoratori veronesi: il Ristorante 12 Apostoli guidato oggi da Filippo Gioco con lo chef Mauro Buffo, il Ristorante Osteria Ponte Pietra di Gianni Pascucci e Diana Tropinina con giovane chef Michael Silhavi, il Ristorante Degusto a San Bonifacio, alla guida lo chef e patron Matteo Grandi con Elena Lanza e il Ristorante Perbellini a Isola Rizza, con la proprietaria Paola Secchi e lo chef Francesco Baldissarutti.

 

Durante la serata, nel chiostro della Villa messa a disposizione dalla famiglia Allegrini, arriva anche l’annuncio di un programma di Cene “Generations” che si protrarrà durante l’autunno nei ristoranti in città.

«Generations» è anche il nuovo libro del ristorante Il Desco, nato da un’idea di Matteo Rizzo e dalla collaborazione con alcune tra le più importanti firme del giornalismo gastronomico italiano, chiamate a raccontare in poche pagine oltre 30 anni di storia di un ristorante stellato Michelin tra i più longevi in Italia. «Questo libro», spiega Matteo Rizzo, «è stata anche la scintilla che ha dato origine al progetto»

CORRELATI