Vino & Agroalimentare Ecco il Vinitaly '18: più globale e boom di espositori esteriVino & Agroalimentare | Vino & Agroalimentare

Ecco il Vinitaly '18:
più globale e boom
di espositori esteri

La presentazione della rassegna
La presentazione della rassegna
 
27.03.2018

Il Vinitaly si trasforma, guarda ai mercati esteri ma continua a investire sul territorio con l’edizione numero 52 in programma a Verona dal 15 al 18 aprile 2018.

Alla presentazione, che si è tenuta all’Auditorium di via Veneto di Roma, è stato messo in risalto il profilo internazionale della manifestazione. Secondo le stime fornite, è aumentato del 25% il numero degli espositori esteri presenti all’interno del padiglione International Wine Hall con incoming di delegazioni commerciali selezionate da 58 Paesi e una media di operatori professionali provenienti ogni anno da 140 nazioni.

 

Maurizio Danese, presidente di Veronafiere Spa, ha sottolineato il trend in crescita ponendo l’attenzione su determinati settori, fra cui l’importante presenza estera: «Siamo stati una delle poche fiere ad annunciare l’intenzione di diminuire i visitatori di una rassegna. Mi riferisco a quelli generici, per aumentare al contempo, invece, le presenze internazionali e dei professionisti. Vinitaly, che partiva comunque con un indice di internazionalità molto importante e al di sopra della media delle rassegne internazionali, ha visto diminuire le presenze dalle 150 mila del 2015 alle 130 mila del 2016, fino ai 128 mila operatori dell’ultima edizione.

Nel contempo è cresciuta al 38% la percentuale dei visitatori esteri sul totale (48 mila nel 2017, con oltre 30 mila buyer accreditati da 142 nazioni)».

CORRELATI