Est
Vai a
Vai a

Anche gli studenti
si mobilitano
per salvare Melegatti

Uno scaffale di pandori Melegatti
Uno scaffale di pandori Melegatti
07.12.2017

Anche gli studenti veneti si mobilitano con una campagna solidale per aiutare i lavoratori della Melegaatti, la storica azienda dolciaria veronese, ora in crisi, che da poco - grazie a un fondo maltese - è riuscita a far ripartire gli impianti per salvare la produzione del Natale. La Rete degli studenti Medi e il sindacato degli universitari Udu Veneto hanno un tam-tam via social e web per supportare i lavori di Melegatti, «organizzando prenotazioni di vendita nelle classi e nelle scuole».

 

«Sono i nostri genitori, i genitori dei nostri compagni di scuola, i nostri futuri colleghi, Vogliamo difendere il lavoro e garantire un Natale e un futuro più sereno a tutti i lavoratori e alle loro famiglie» ha spiegato Rachele Scapa, della Rete degli Studenti Medi Veneto. L’obiettivo dell’azienda, viene ricordato, è quello di produrre e vendere un milione e mezzo di pandori e panettoni, pur con la difficoltà del ritardo con cui è iniziata la campagna delle festività.

 

«Siamo solidali con le operaie e gli operai della Melegatti - hanno aggiunto gli studenti - ci attiveremo nelle università e negli spazi universitari per dare tutto il supporto necessario. A Natale vogliano salvare il lavoro, ancora meglio se possiamo farlo mangiando un pandoro».

Condividi la notizia