Musica senza contratto, gli Angeli spengono la luce

La band folk-metal degli O’Ciucciariello. Oggi sarà con altri gruppi e  solisti agli Angeli di Castelrotto per l’ultimo giorno di apertura del locale
La band folk-metal degli O’Ciucciariello. Oggi sarà con altri gruppi e solisti agli Angeli di Castelrotto per l’ultimo giorno di apertura del locale (Benini)
05.09.2009

Chiude i battenti l'Hostaria agl'Angeli, il locale di Castelrotto di Valpolicella, da parecchi anni uno dei punti di riferimento per il jazz, il blues e la musica acustica in Valpolicella e più in generale nella provincia di Verona. L'ultimo appuntamento, prima della definitiva cessazione dell'attività (il contratto d'affitto non è stato rinnovato), è in programma oggi, sabato, dal pomeriggio a notte inoltrata: una festa in musica per celebrare una decade di attività, un happening a cui prenderanno parte alcuni gruppi che hanno frequentato con regolarità il locale, oltre ad ospiti a sorpresa. Il palco infatti è completamente aperto a chiunque vorrà aggiungersi alla maratona musicale che inizierà alle 15 e proseguirà ininterrottamente fino a tarda notte.
L'attività musicale all'Hostaria agl'Angeli di Castelrotto prese il via nell'ottobre del 1999 e già nel corso della prima stagione si caratterizzò per ospiti e gruppi che fecero del locale uno dei principali punti di riferimento per chi voleva ascoltare musica jazz ma anche rock.
Il locale nella bellissima piazzetta della piccola frazione veronese ha ospitato negli anni, sia nel palco al piano interrato sia nel plateatico antistante, oltre ai jazzisti veronesi (regolari gli appuntamenti con Luca Donini, Stefano Benini, Bruno Marini, Beppe Castellani) una serie di band blues e folk come l'Acoustic Duo, il Tea Spoon Quartet e tantissimi altri gruppi e cantautori rock e pop.
Sul palco deli Angeli sono passati alcuni nomi di calibro internazionale come il trombettista Marco Tamburini, l'organista Alberto Marsico, oltre ad artisti in esclusiva come gli altosassofonisti John Tchicai e Sean Bergin.
I gestori hanno annunciato che probabilmente riapriranno con lo stesso nome un nuovo locale: ora, però, l'unica cosa certa è la perdita di un altro spazio per i concerti e la musica live nel Veronese. LUI.SA.