Est
Vai a
Vai a

Lampi radio velocissimi dallo spazio nuovi misteri

12.01.2018

ROMA Buchi neri giganteschi, stelle dalla densità incredibile, campi magnetici mai visti: potrebbe essere fatto così l’ambiente da cui provengono i lampi radio veloci, tra i fenomeni più misteriosi dell’universo, al punto che più volte si è pensato che fossero prodotti da una civiltà aliena. Dopo anni di ricerche, per la prima volta si sa qualcosa di più su questi lampi, brillanti, rapidissimi e lontanissimi, tanto che la scoperta della loro origine estrema ha conquistato la copertina della rivista Nature. «La nostra scoperta ci aiuterà a capire come sono fatte le sorgenti», ha detto l’italiano Daniele Michilli, primo autore della ricerca e dottorando nell’università di Amsterdam e nell’Istituto Olandese di Radioastronomia. Ha lasciato l’Italia subito dopo la laurea nell’Università Sapienza di Roma e con l’Istituto Nazionale di Astrofisica (Inaf). Michilli ha presentato i risultati negli Stati Uniti, nel convegno della Società Astronomica Americana. Erano presenti anche i «cacciatori di Et» dell’iniziativa Breakthrough Listen, il più grande programma di ricerca di civiltà aliene nato dalla Breakthrough Initiatives, e quelli del Seti (Search for Extra-Terrestrial Intelligence), il programma per la ricerca di intelligenze extraterrestri lanciato nel 1960. «Contiamo di lavorare con la comunità scientifica internazionale per imparare di più da queste sorgenti enigmatiche», ha detto Andrew Siemion, direttore del centro di ricerca Seti a Berkeley e del programma Breakthrough Listen. Non sarebbero i lampi radio veloci, ha aggiunto, le emissioni che ci si aspetterebbe da civiltà aliene. Ma non per questo il mistero è meno affascinante. «Finora ci sono forse 50 ipotetici modelli teorici e quasi tutti fanno riferimento a contesti astrofisici estremi, ma l’evidenza che davvero si trattasse di un ambiente simile non c’era finora», ha osservato il radioastronomo Andrea Possenti, dell’osservatorio di Cagliari dell’Inaf. •

Primo Piano
La Montefortiana è giunta all'edizione 43
 
 
La storica corsa non competitiva

Montefortiana
18mila podisti
affollano le strade

Condividi la Notizia
 
A Motor Bike Expo moto da tutto il mondo

Dalla moto che va
a 432 km l'ora
all'Harley a 3 ruote

Condividi la Notizia
Condividi la notizia