Benigni, l'umanità dell'«Inferno»

Roberto Benigni sul palco dell’Arena  FOTOSERVIZIO MAURIZIO BRENZONI
Roberto Benigni sul palco dell’Arena FOTOSERVIZIO MAURIZIO BRENZONI (Fab)
Alessandra Galetto07.09.2009

Quasi due spettacoli, giocato sulla più spericolata e trascinante vis comica e satirica il primo, sulla bellezza della poesia come forza creatrice il secondo. E, comune denominatore, la passione.
Si è sviluppato lungo questi due filoni, un'apertura dedicata all'attualità politica impietosamente ritratta e quindi una trascinante lettura del penultimo canto dell'Inferno, il «Tutto Dante. Inferno XXXIII» di Roberto Benigni, tornato ieri sera a Verona in un'Arena affollata da oltre 10mila fan, a distanza di tre anni dalla sua ultima apparizione quando, in due serate consecutive, aveva catturato il pubblico con l'ultimo canto del «Paradiso» e con il V dell'«Inferno», con i versi dedicati a Paolo e Francesca. E anche ieri sera il mattatore toscano ha stregato il suo pubblico, cominciando a conquistarlo con un'apparizione «in dialetto».
«Buonasera, butei e butele...bruti slandroni, voria strucarve tuti....», ha esordito Benigni, prima di salutare il sindaco Tosi con signora e il vescovo Zenti, seduti in prima fila. E proprio alle vicende veronesi il comico ha riservato qualche frecciata, a partire dal centro benessere a luci rosse di recente scoperto in Zai, prima di dedicarsi alla scena nazionale.
E qui sono fioccate bordate per tutti: da Bossi a Calderoli, a Franceschini, al suo prediletto Silvio, che con i gossip estivi ha fornito all'ironia di Benigni un materiale inesauribile.
«Berlusconi ora si è incattivito, è un periodo che querela, denuncia, è cattivo: si vede proprio che l'astinenza gli fa male». E ancora: «Ha venduto Kakà e comprato Feltri: che, sulle punizioni, è decisamente più terribile». «Berlusconi giura sui suoi figli e ha davanti le prova del fatto che sta mentendo. Ma allora di chi sono i figli di Berlusconi?». «Dice che dorme come un bambino. Infatti in questi giorni si sveglia ogni tre ore e piange». «Veronica, beata te che puoi divorziare!». «Abbiamo avuto Cesare il dittatore, Quinto Fabio Massimo il Temporeggiatore e ora Silvio il tromb...».
Benigni salta, ride, scherza, mima, è un folletto che, come una molla, tiene il palcoscenico, narrandoci il film grottesco e irreale della nostra scena politica attuale.
Ma poi arriva Dante: che - sembra volerci dire il «toscanaccio» - non è solo meraviglia e incanto di parole che inventano insieme una musica e un significato proprio in virtù della forza dei significanti, ma anche lente attraverso la quale poter meglio comprendere il nostro presente. Il canto del conte Ugolino, nell'appassionata lettura di Benigni, diventa il canto dell'inesorabilità del dolore umano e dell'abisso della colpa: seguire la sua spiegazione, così anti-accademica, così intrisa di umore personale, di partecipata commozione, è un viaggio straordinario nella grandezza della parola, quando questa è insieme «pensiero e amore», per usare le parole di Benigni stesso.
Dopo due ore senza sosta, Benigni ringrazia Verona per l'affetto verso di lui, ma anche perchè proprio qui dante ha scritto una parte di quel «fantastico viaggio».

Alessandra Galetto