Cani «cervelloni»:
hanno il doppio
dei neuroni dei gatti

Secondo uno studio i cani hanno il doppio dei neuroni dei gatti
Secondo uno studio i cani hanno il doppio dei neuroni dei gatti
01.12.2017

I cani hanno il doppio dei neuroni dei gatti: quasi 530 milioni contro ’appenà 250 milioni. Lo dimostra il primo censimento che ha contato le cellule nervose che costituiscono la parte più evoluta del cervello, la corteccia, in otto specie di carnivori, domestici e selvatici. Si scopre così che i gatti, anche se battuti dai cani, hanno lo stesso numero di neuroni degli orsi bruni, mentre i procioni, per quanto piccoli, hanno un cervello che se la gioca alla pari con quello dei primati.

A snocciolare tutti i numeri è uno studio pubblicato sulla rivista Frontiers in Neuroanatomy da un gruppo internazionale di ricerca guidato dalla Vanderbilt University, in Tennessee. «In questo studio volevamo confrontare diverse specie di carnivori per vedere la relazione tra il numero dei neuroni e le dimensioni del cervello», spiega la neuroscienziata Suzana Herculano-Houzel.

«Io sono cinofila al 100% - ammette la ricercatrice - ma, premesso questo, i nostri dati suggeriscono che i cani hanno la capacità biologica di fare cose più complesse e articolate rispetto ai gatti. Per lo meno, adesso abbiamo delle informazioni di carattere biologico che le persone potranno usare nelle loro discussioni su chi sia più intelligente, tra cane e gatto».