Viaggiare in USA
per gli affari: Visa
Waiver Program

A cura di Publiadige

Visa Waiver Program
Visa Waiver Program
21.06.2018

Forse non tutti gli italiani sanno che coloro che hanno la necessità di recarsi negli Stati Uniti d'America per affari, così anche per studio o per turismo, saranno soggetti alla presentazione di un documento che ne autorizzi il viaggio, poiché l'Italia rientra tra quei Paesi che aderiscono al cosiddetto "Visa Waiver Program", ossia il Programma di Viaggio senza Visto, verso gli Stati Uniti, che ha il compito di semplificare l'ingresso dei cittadini italiani nel territorio americano.

L’elenco di tutti i paesi che aderiscono al "Visa Waiver Program" è consultabile sul sito ufficiale Application-Esta.us, dove viene anche spiegato nel dettaglio ogni passaggio relativo alla richiesta dell’autorizzazione elettronica di viaggio.

Creati per rendere più capillare la sicurezza sui viaggi verso gli Stati Uniti, i requisiti richiesti a coloro che viaggiano in America senza visto, sono stati aggiunti a partire dal 12 gennaio 2009.

Tutti i cittadini residenti nei paesi che partecipano a tale programma fortunatamente hanno conservato il diritto di entrare negli Stati Uniti, ma saranno però obbligati a richiedere l'autorizzazione al viaggio ESTA, cioè la Electronic System for Travel Authorization, che dovrà essere esibita al momento della partenza.

L'autorizzazione al viaggio ESTA, obbligatoria per chi si reca in America per affari e turismo, non è nient'altro che un modulo, disponibile online, che dovrà essere compilato attentamente in tutte le sue parti da tutti i viaggiatori partecipanti al Programma Viaggio senza Visto di tutte le età, questo vale quindi anche per bambini e infanti.

Attraverso il Programma Viaggio senza Visto viene semplifica la procedura d'ingresso negli Stati Uniti di milioni di visitatori in possesso di un passaporto elettronico valido.

Tali passeggeri saranno quindi tenuti a richiedere per tempo l'autorizzazione al viaggio ESTA, in modo da averlo già pronto prima della data di viaggio prefissata.

Per ottenere l'autorizzazione al viaggio sarà obbligatorio possedere un passaporto elettronico emesso da uno dei paesi partecipanti al Programma Viaggio senza Visto.

La domanda andrà inoltrata, tramite modulo automatico, al Dipartimento di Sicurezza Nazionale, che provvederà ad esaminare, ed eventualmente approvare, l'autorizzazione.

Ma in cosa consiste l'ESTA?

Sono in tanti coloro che ancora credono, erroneamente, che l'autorizzazione al viaggio ESTA sia un visto.

Il visto in realtà, dovrà essere esibito da quei cittadini appartenenti ai paesi che non partecipano al Programma Viaggio senza Visto, poiché non saranno possibilitati a richiedere l'autorizzazione al viaggio ESTA.

L'autorizzazione eventualmente rilasciata avrà una valida di 2 anni (ma sarà strettamente collegata alla scadenza del passaporto). In tal modo, nel caso venissero effettuati più viaggi nello stesso lasso di tempo, non sarà necessario richiedere ulteriori autorizzazioni, ma basterà semplicemente aggiornare i dati obbligatori richiesti.

A seguito della richiesta inviata (che sarà consigliabile effettuare non meno di 72 ore prima della partenza), verranno fornite dal sistema ESTA 3 diverse risposte: Authorization Approved, Travel not Authorized e Authorization Pending.

Come è facilmente intuibile, la risposta "Authorization Approved" ci comunicherà l'accettazione della richiesta da parte delle autorità competenti.

Diversamente la dicitura "Travel not Authorized" sarà di diniego e costringerà il viaggiatore a contattare il consolato americano competente. La terza risposta invece indica la necessità di fornire ulteriori informazioni così da permettere il rilascio dell'ESTA.

Quali sono i passaporti accettati in America?

Per potersi recare negli Stati Uniti d'America senza visto, ma semplicemente usufruendo del programma "Visa Waiver Program" (Viaggio senza Visto), saranno considerati validi solo i passaporti elettronici, rilasciati dal 26 ottobre 2006, oppure i passaporti a lettura ottica, rilasciati prima del 26 ottobre 2005, e i passaporti con foto digitale, rilasciati tra il 26 ottobre del 2005 e il 26 ottobre del 2006. Inoltre, per viaggiare senza visto, sarà necessario dichiarare:

  • La motivazione del viaggio, (affari e/o turismo).
  • Il possesso del biglietto di ritorno.
  • Una permanenza che non superi i 90 giorni.

Nel caso non si possegga uno solo di tali requisiti si dovrà necessariamente richiedere il visto.

Primo Piano
Maltempo
 
Condividi la Notizia
 
Condividi la Notizia
 
La cantautrice Galiazzo ieri a Verona

Chiara sceglie il Ristori
per registrare l’orchestra

Condividi la Notizia