Motori di ricerca,
Qwant alternativa
a Google?

A cura di Publiadige

Motori di ricerca, Qwant reale e valida alternativa al posizionamento su Google?
Motori di ricerca, Qwant reale e valida alternativa al posizionamento su Google?
11.07.2018

ll motore di ricerca Qwant rappresenta una reale e valida alternativa al posizionamento su Google? La domanda è d'obbligo visto che, sebbene Google sia ad oggi nel mondo il motore di ricerca più usato, Qwant in ogni caso si sta facendo strada sulla base di un modello e di un paradigma che punta a differenziarsi completamente da Big G. Se cerchi approfondimenti riguardanti il posizionamento su Google visita il sito jfactor.

Nel settore motori di ricerca e posizionamento, infatti, Google è un motore di ricerca americano, mentre Qwant è un motore di ricerca europeo, francese per la precisione, con due tratti distintivi chiari e forti che sono rappresentati dall'assenza di utilizzo di cookie, e dal fatto che non tiene nessuna cronologia. Il rispetto della privacy su Qwant è garantito dall'uso di sistemi anti-tracciamento che, quando si naviga sul web, vanno a rilevare ed a bloccare in automatico tutte quelle funzionalità che mirano in genere, e fin troppo spesso purtroppo, a monitorare le attività su Internet degli utenti.

Per chi fosse interessato a lasciare la SEO e il posizionamento su Google, temporaneamente o definitivamente, per passare a Qwant, il motore di ricerca europeo si può settare come predefinito su PC e su cellulare in ragione del fatto che si possono andare a scaricare le app per i dispositivi mobili sul Google Play per Android e sull'App Store per i device con il sistema operativo iOS della Apple.

Qwant, come browser di ricerca, a differenza di ogni altro motore con profilazione, fornisce i risultati in modo del tutto neutrale. E questo perché la policy di Qwant è quella di non accettare pagamenti affinché alcune pagine, rispetto alle altre, possano apparire ai primi posti delle ricerche con la conseguente garanzia che si ha sempre accesso ai risultati migliori rispetto alle key che sono state inserite.

Il browser di ricerca Qwant, al pari di software di navigazione più titolati come Firefox ed Edge, propone la navigazione tra le diverse schede, i suggerimenti di ricerche pertinenti, l'annotazione delle pagine preferite per facilitare l’accesso e, in modalità di navigazione non privata, pure la consultazione della cronologia web.

Inoltre Qwant, che come Google permette pure di fare ricerche mirate di immagini, video e contenuti socia, è stato lanciato pure nella versione Junior per i bambini al fine di permettere ai minori di fare ricerche in Internet non solo in modo sicuro e ludico, ma anche in linea con quelli che sono i valori di trasparenza, di efficacia e di confidenzialità che vengono portati avanti e promossi dal motore di ricerca Qwant fin dalla data di lancio.

Attualmente i prodotti proposti da Qwant sono quattro e sono i seguenti: Qwant Search che è browser di ricerca veloce, completo e attento alla privacy dell'utente, un po’ come Google Chrome; Qwant Mobile che è l'app ufficiale Qwant per la ricerca privata e per lo shopping sicuro; Qwant Junior che, come sopra accennato, spicca per essere attualmente, nel proprio settore di riferimento, l'unico motore di ricerca affidabile ed educativo che sia stato mai creato per i bambini; Qwant Boards che è invece lo strumento per organizzare e per condividere i risultati di ricerca che non saranno in ogni caso mai utilizzati per profilare gli utenti con scopi pubblicitari. Attualmente non è ancora il caso di abbandonare il posizionamento su Google, forse. Ma in futuro, chissà…

Primo Piano
 
Al via il progetto "Il Po d'aMare"

A Zevio e Legnago
le plastiche
"pescate" nel Po

Condividi la Notizia