Fortunata Gresner,
una scuola
partecipativa

A cura di Publiadige

16.04.2018

L’Istituto Fortunata Gresner ha svolto in questi ultimi mesi numerose attività che hanno avvicinato i bambini e i ragazzi all’attività sportiva, nella consapevolezza che lo sport costituisce il naturale completamento dell’attività formativa dei suoi alunni. In sinergia con le realtà territoriali gli alunni hanno avuto l’opportunità di partecipare a percorsi specifici nel contesto dell’iniziativa regionale delle Giornate dello Sport.

La Scuola si è trasformata in una vera e propria “officina” per possibili aspiranti atleti di ogni età! I nostri bambini e ragazzi, dall’Infanzia alla Primaria e dalla Scuola Secondaria di Primo Grado al CEOD, si sono cimentati in diverse discipline, passando dalla scherma al basket, scatenandosi con la zumba per poi fare gli equilibristi sui pattini a rotelle…sperimentando così, le loro capacità, divertendosi insieme. La conoscenza e la partecipazione a queste attività sportive hanno consentito agli alunni di comprendere di più principi e concetti come regole, fair play, corretto utilizzo del corpo, sviluppo della consapevolezza sociale legata all’interpretazione personale e all’impegno di squadra caratteristici di molti sport.

Il Piano dell’offerta formativa dell’Istituto Gresner, tra i suoi obiettivi, tiene conto di questo aspetto, offrendo ai bambini della Scuola Paritaria: Infanzia e Primaria, la possibilità di frequentare l’attività di nuoto e di danza all’interno della scuola; perché siamo consapevoli che la pratica sportiva facilita l’apprendimento di concetti legati alla socializzazione, al rispetto, all’integrazione, alla multiculturalità, alla salute, all’educazione alimentare, all’igiene.

Ti aspettiamo per conoscere la nostra offerta formativa.

Visita il nostro canale You Tube o il sito istituzionale (www.gresner.it).

CORRELATI
Primo Piano
 
Convegno internazionale a Venezia

Non solo rughe
Botulino per
ricostruire il viso

Condividi la Notizia
 
Condividi la Notizia
 
Il sindaco di San Martino Buon Albergo

Esplosione
«I migranti
non c'entrano»

Condividi la Notizia