Bardolino,
un intero borgo
per i turisti «slow»

Borgo Bardolino
Borgo Bardolino
20.04.2018

C’è chi non si accontenta di un’unica struttura, villa o agriturismo che sia. E che ha pensato a riqualificare un intero borgo nel nome del vino. Parliamo di Guerrieri Rizzardi, che a Bardolino ha lavorato due anni per valorizzare un insieme di palazzi d’epoca, da sempre sede dell’azienda agricola della famiglia Rizzardi, dove la produzione di vino è cominciata a fine Seicento. Una proprietà nel cuore di Bardolino diventata ricovero ospedaliero nella prima guerra mondiale, per poi subire l’occupazione di un comando tedesco nel corso della seconda, che oggi diventa fulcro di accoglienza turistica. Borgo Bardolino è stata la sede produttiva dei vini Guerrieri Rizzardi fino al 2011, quando l’incremento della produzione ha reso necessario il trasferimento nella nuova cantina situata in zona collinare, circondata dai vigneti di proprietà, in località Campazzi. Con la quale negozi, wine bar, enoteche inaugurati a Borgo Bardolino nel luglio del 2016 dal conte Agostino Rizzardi sono collegati grazie a un servizio navetta che permette anche di visitare la sede produttiva. Un percorso di degustazione che sarà integrato con un percorso museale che rivelerà la storia dell’azienda. Parte del complesso sono tre location in cui è possibile, per i turisti più esigenti, anche soggiornare in appartamento. Tra i progetti futuri, il pieno utilizzo della cantina di Pojega a Negrar e della villa con un giardino all’italiana del 1783. •

Primo Piano
Esercitazione a Caluri (foto Pecora)
 
 
Esercitazione dell'aeronautica militare

Attacco chimico
A Caluri si simula
l'emergenza

Condividi la Notizia
 
Un anno e opzione per il successivo

Firmato l'accordo
Andrea Amato
resta a Verona

Condividi la Notizia