La Posta La squadra malsortìa e il ponte sabalòtoLa Posta | La Posta

La squadra malsortìa
e il ponte sabalòto

La Posta della Olga
La Posta della Olga
Silvino Gonzato 31.08.2018

Il lavoro di squadra - scrive la Olga - funziona solo se c’è la squadra. Nel caso dell’Affondazione Arena la squadra messa in campo dal sindaco Sboarina si è rivelata fin da subito malsortìa perché una cantante solista come la sovrintendente Gasdia non avrebbe mai potuto cantare in coro, come del resto aveva detto dopo la sua nomina l’Ociodevéro, il maestro delle "Voci dell’alcol", il gruppo vocale del bareto. Elementare, Bepi, direbbe al suo collaboratore uno Sherlock Holmes delle nostre bande. «La sa tuto éla, la vol far tuto éla, la ne trata come scolaréti col mocàio al naso» è la sintesi della lettera che i tre coristi, e cioè il direttore generale, il direttore amministrativo e la direttrice delle risorse umane, hanno mandato alla Gasdia. La quadriga è destinata a finire nel primo fosso se anche uno solo dei quattro cavalli che la tirano non trotta di concerto (credo che sia una massima de me pòro nono). Appena ha saputo dell’ammutinamento dei tre coristi, Sboarina ha commentato: «Chi non lavora di squadra si mette in fuorigioco da solo». Voleva dire "fuori dal gioco", come sottolinea il mio Gino, perché il fuorigioco, nel zugo del balón, non porta al commissariamento della squadra come rischia invece l’Affondazione Arena. El Pèrtega, corista dell’Arena, è desolato perché non ama i commissari, a cominciare da Moltalbano, e propone anche per l’Affondazione un contratto di governo come quello tra Salvini e Di Maio: i due la pensano in modo diverso, i se metarìa i dièi nei òci l’un con l’altro, ma intanto tirano avanti perché legati da un vincolo solubile come l’Orzoro che però per ora regge. Fanno squadra come due galletti in un puinàr, e chissenefrega se le galline fanno i ovi sbarlòti. A proposito di squadra, sono dieci anni, da quando cioè el Ponte Novo ha cominciato a scricchiolare come ’na carega vècia, che mi aspetto di vedere squadre di operai all’opera per rimetterlo in sesto. «Finalmente ghe semo» mi sono detta quando ieri ho letto sul giornale che il Comune aveva trovato i schei. Poi mi sono resa conto che i schei servono per il progetto e che deve essere ancora bandita la gara. Campa cavàl. Ci terremo il ponte sabalòto par n’altra diesìna de ani, che la vaga ben. • © RIPRODUZIONE RISERVATA